Domenica 21 Luglio 2019

La riflessione

Quando la politica passa dai social

Anche su base locale è attraverso i tag, i commenti e i like che arriva e si cementa il consenso dell'elettore.

A Casale perlomeno sembra proprio sia così.

Quando la politica passa dai social

Il ponte oggetto del sopralluogo notturno

Non serve disturbare il ministro dell'interno Matteo Salvini e i suoi enormi riscontri su Facebook.

Anche su base locale è attraverso i tag, i commenti e i like che arriva e si cementa il consenso dell'elettore. A Casale perlomeno sembra proprio sia così. Le recenti elezioni lo hanno confermato e quello che è avvenuto dopo la tornata elettorale ha addirittura rinsaldato il concetto.

Un buco sulla strada? Tagga il sindaco Riboldi. Un lampione non funziona? Tagga Riboldi. Immondizia? Riboldi. Erba alta? Riboldi. E così via.
L'apoteosi di questo atteggiamento, per il quale uffici, forze dell'ordine e le diverse (e fondamentali) professionalità di cui si compone la cosa pubblica vengono letteralmente bypassate per appellarsi direttamente al primo cittadino, si è verificato nella sera di lunedì.

Una foto viene pubblicata sui social, pare ci sia una crepa sul ponte che collega in centro a Oltreponte.

Con la cassa di risonanza di Facebook è un attimo che si diffonda la psicosi ma, nonostante l'ora tarda, anche questa volta è intervenuto Riboldi in prima persona con la sua squadra a verificare che no, il ponte non sta per crollare, non c'è pericolo, si è trattato di un falso allarme.

Il consenso intanto ovviamente aumenta, vuoi mettere la comodità di avere chi interviene appena lo chiami? Sperando non riposi mai.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Il caso

La chiusura
del ristorante im...

16 Luglio 2019 ore 09:06
.