Lunedì 19 Agosto 2019

Il racconto

Gli informatori degli abusivi: "Vai ché s’è liberato l’alloggio"

Una guerra tra i poveri con risvolti paradossali

Gli informatori degli abusivi: "Vai ché s’è liberato l’alloggio"

Il caseggiato dell’Atc all’angolo tra via Verona e via Volturno, ad Alessandria

ALESSANDRIA - Ci raccontano come se fosse colpa nostra essere andati solo adesso a scoperchiare la pentola delle nefandezze. Come se cadessimo dal pero dell’indifferenza per atterrare su un materasso di stupore.

«Non lo sapevate? È da anni che è così» ci dicono. Lo fanno senza comparire, come se l’anonimato fosse una barriera che protegge dalla paura.

Ecco, paura è un termine che ricorre, a margine della storia che abbiamo proposto sul ‘Piccolo’ di martedì. In due pagine si raccontava un viaggio assurdo a una quindicina di scalini da un cortile apparentemente normale. Però basta scendere, addentrarsi nelle cantine e si viene divorati dallo squallore, da una devastazione che mette a dura prova quattro dei cinque sensi. C’è silenzio, almeno quello.

C’è perché è pieno giorno. E le cose, qui, succedono di notte, come ci raccontano alcuni rappresentanti delle 84 famiglie che vivono negli alloggi dell’Atc con ingresso da via Volturno, a pochi passi da piazza Santo Stefano, area che ci viene descritta come il luogo in cui si incontrano (anche) personaggi perlomeno ambigui.

Su 'Il Piccolo' oggi in edicola l'intero reportage.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Ovada

Diga di Molare:
una ferita per tutto l'Ovadese

13 Agosto 2019 ore 09:37
.