Lunedì 20 Gennaio 2020

Ovada

I pendolari: "L'assessore tuteli il servizio pubblico"

Le principali associazioni delle reti liguri e i disservizi generati dalle recenti chiusure delle biglietterie su diverse tratte

protesta pendolari ovada biglietteria

Un momento del sit in di protesta davanti alla stazione di Ovada

OVADA - 

E' una protesta congiunta quella che le associazioni che rappresentano i pendolari sulle tratte liguri hanno avviato congiuntamente. «Nel silenzio più assoluto e nell’indifferenza totale – spiegano Comitati pendolari del Levante Ligure, della Savona Genova e della Valli Orba e Stura - le biglietterie delle linee liguri lentamente, ma neanche tanto, stanno chiudendo». Sullo sfondo quanto accaduto lo scorso giugno sull'Acqui – Genova con la definitiva chiusura dello sportello di Ovada. Puntano il dito i viaggiatori contro Trenitalia.

«Ad ogni mail di protesta – prosegue il comunicato - le risposte sono sempre le medesime : vengono in maniera seriale ed automatica snocciolati gli elenchi dei tabacchini aderenti alla vendita biglietti e segnalati il numero di macchinari aventi funzionedi biglietteria. La chiusura delle biglietterie é fonte di disservizio, che di certo non contribuisce ad aumentare gli utenti, obiettivo dichiarato e messo nero su bianco dalla Regione Liguria nel Contratto di Servizio con Trenitalia. Le forze politiche tutte, si stanno rimbalzando le colpe. La politica si sta dimenticando del servizio pubblico su ferro, non ha sotto controllo il proprio fornitore di servizi, che con il monopolio totale della rete capillare ferroviaria sta inesorabilmente facendo ciò che vuole».

Ecco perchè le associazioni si rivolgono all'assessore ai Trasporti, Giovanni Berrino. «Lo esortiamo a non subire evitando di appoggiare tali cambiamenti imposti dal colosso Trenitalia, ennesima dimostrazione della necessità di rivedere completamente le regole del Contratto di Servizio».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Buona notizia

Con un "Gratta", a Solero
vinti 500.000 euro

10 Gennaio 2020 ore 10:15
Il racconto

Il film di Zalone
visto da un migrante vero

10 Gennaio 2020 ore 07:56
.