Sabato 04 Luglio 2020

Covid-19

I test sierologici rimanenti ai medici di base di Casale?

Tra gli under 50 ieri al Palafiere 2.5% di positivi

I test sierologici "avanzati" ai medici di base di Casale?

CASALE - Il Comune di Casale ha terminato ieri con la terza giornata dedicata la sua esperienza con i test sierologici rapidi. Destinati a volontari e svoltisi al Palafiere, permetteranno di ottenere un'indagine epidemiologica (i cui risultati saranno resi noti mercoledì) per comprendere quanto il virus abbia colpito la popolazione casalese e quanto sia attualmente presente.

Nella prima domenica di test era toccato a 1000 tra forze dell'ordine, sanitari e impegnati in prima linea durante la Fase 1 (8% dei testati aveva mostrato traccia di anticorpi al Covid-19), la domenica dopo a 1500 casalesi over 50 (4% di positivi) mentre ieri è toccato a 1500 under 50: «Le positività sono state circa del 2.5%» spiega l'assessore Luca Novelli. Tutti i positivi sono stati sottoposti al tampone per verificare se il virus fosse ancora presente. Ci sono già gli esiti delle prime due tornate: «tutti negativi» prosegue Novelli.

I test di Casale, ottenuti grazie al contributo della donazione di Idrobaveno (e al contributo del Comune), erano però 5000. "Tolti" i 4000 già effettuati ne restano 1000. Non ci saranno tuttavia altri appuntamenti al Palafiere. «Stiamo valutando di metterne una parte a disposizione dei medici di base del Casalese per le loro necessità oppure di proseguire con la nostra indagine epidemiologica, con un metodo diverso».

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

Le notizie più lette

Novi Ligure

Muore mentre fa
colazione al bar

02 Luglio 2020 ore 11:20
.