Giovedì 29 Ottobre 2020

Il "pacchetto"

Dalla Giunta la proposta: agevolazioni per negozi, bar e ristoranti

Sarà il consiglio comunale ad esprimersi in merito

Dalla Giunta la proposta: agevolazioni per negozi, bar e ristoranti

Giovanni Battista Filiberti

CASALE - Prima di diventare "legge" dovrà essere sottoposto al voto del consiglio comunale ma, trattandosi di una proposta della Giunta, è assai improbabile che la maggioranza che sostiene Federico Riboldi, tradizionalmente dimostratasi coesa, possa esprimersi in modo contrario.

Si parla di un cospicuo pacchetto di incentivi e agevolazioni predisposto dall'assessore al Bilancio e alle Attività Produttive Giovanni Battista Filiberti. Destinatari negozi, bar e ristoranti. 

Esenzioni Tosap, Imu e Tari, possibilità di ampliare i dehors per un lungo periodo dell’anno (fino a sette mesi) e agevolazioni per chi apre una nuova attività nei suoi locali commerciali o li affitta a prezzi calmierati. 

Alcune iniziative in tal senso già si sono viste in questi mesi ma si è trattato di soluzioni temporanee, artifici realizzati per rendere meno duro l'impatto delle normative antidistanziamento alle attività commerciali, costrette a dover fare i conti con spazi contingentati dopo mesi di chiusura al pubblico. Ora queste eccezioni diventeranno regola. Almeno nelle intenzioni della giunta.

«Durante tutta l’estate – sottolinea il sindaco Federico Riboldi - abbiamo cercato di rilanciare l’intero territorio con iniziative e manifestazioni che hanno avuto il loro culmine in questo mese di settembre. Da una parte era infatti importante far tornare a rivivere la città, ma dall’altra era fondamentale lavorare affinché il tessuto commerciale potesse ripartire, e lo stiamo facendo con azioni concrete di aiuto».

Nello specifico ci saranno una serie di interventi sui dehors, a partire dall’approvazione del nuovo regolamento: «Dopo dieci anni era doveroso aggiornarlo – ha spiegato l’assessore Filiberti – introducendo, tra l’altro, la possibilità di ampliare i dehors tutti gli anni dal 1° aprile al 31 ottobre. Andremo così, in futuro, a rendere la regola ciò che quest’estate è stata un’eccezione a seguito delle misure anti Covid».

Sempre in tema dehors, l’Amministrazione è intervenuta, e interverrà su Tari (la tassa rifiuti) e anche su Tosap (la tassa di occupazione del suolo pubblico): per la prima verrà disposto l’esonero dal pagamento fino al 31 dicembre delle maggiori aree esterne occupate per ottemperare alle norme di distanziamento all’interno dei locali, mentre per la seconda è prevista l’esenzione totale per i mesi di lockdown (marzo e aprile) non coperti dai provvedimenti economici dello Stato.

Con alcune modifiche al regolamento Imu si andrà invece ad attivare quelli che vengono definiti significativi e innovativi incentivi per la riapertura di attività commerciali, artigianali e di somministrazione: «Affinché ci possa essere una vera ripartenza del comparto – ha ancora sottolineato l’assessore Filiberti – è necessario andare a incidere sulla tassazione: i Comuni non hanno molti strumenti a dimostrazione, ma possono intervenire sulle proprie imposte. Per questo motivo abbiamo deciso, a determinate condizioni, di sgravare per due anni dal pagamento dell’Imu coloro che apriranno una nuova attività o di prevedere degli sconti per chi affitterà a prezzi calmierati gli spazi commerciali sfitti da troppo tempo».

Le proposte di variazione che saranno portate in Consiglio comunale prevederanno nello specifico: ai possessori di immobili di categoria C1 (negozi) di non pagare l’Imu per 24 mesi se avvieranno loro stessi un’attività commerciale. Mentre si avranno delle riduzioni dell’imposta se i locali a uso commerciali sfitti da oltre due anni saranno dati in locazione a prezzi calmierati (determinati in base a valori di riferimento indicati dal Comune).

Questi interventi vanno ad aggiungersi ai già molti varati durante l’emergenza CoronaVirus, come la fissazione delle scadenze e rimodulazione delle rate Tari a dopo l'estate, l’esonero della Tosap a chi non ha potuto esercitare la propria attività a seguito di decreti e ordinanze statali e regionali e le esenzione per le utenze non domestiche della tassa rifiuti per il periodo di chiusura; oltre ai rinvii della tassa occupazione suolo pubblico e delle rate di pagamento per accertamenti tributari.

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.