Mercoledì 28 Ottobre 2020

Il Festival

It.A.Cà Monferrato: non solo documentari, anche eventi "live"

Quarta edizione nel territorio

It.A.Cà Monferrato: non solo documentari, anche eventi "live"

MONFERRATO - Il 3 e il 4 ottobre 2020 il Festival IT.A.CÀ - Migranti e Viaggiatori torna a fare tappa nel cuore del Monferrato.

IT.A.CÀ - Migranti e Viaggiatori, alla dodicesima edizione, è il primo Festival di Turismo Responsabile in Italia. Tema conduttore del 2020 è la Bio-diversità, che riguarda non solo l’ambito ecologico, ma in primis la società globale e il sistema socio-economico dominante.

IT.A.CÀ Monferrato, alla sua quarta edizione propone per il 2020 un programma che unisce i risultati della intensa attività videodocumentaristica realizzata nei mesi scorsi e che verrà condivisa prossimamente sul web, ad un fine settimana (il 3 e 4 ottobre 2020) durante il quale incontrarsi dal vivo per camminare insieme alla scoperta del Monferrato.

Sabato 3 in particolare sarà dedicato alla scoperta dei territori di Grana e Castagnole Monferrato (AT), domenica 4 presso il Castello di San Sebastiano Po (TO).

La proposta di IT.A.CÀ Monferrato è destinata a coloro che vivono un territorio, a coloro che lo percorrono e lo visitano, non solo per le bellezze artistiche e architettoniche, paesaggistiche, ma anche perché è possibile vivere a contatto con la natura e riscoprirne la genuinità, lontano da un’attività turistica di massa dove forse alcuni valori si sono persi di vista.

Sabato 3 ottobre si terrà la camminata naturalistica “sui sentieri del Ruché”, con ritrovo e partenza da Grana (AT) alle ore 9,30, pranzo al sacco presso “la Mercantile” di Castagnole Monferrato, seguito alle ore 16 da “Il testamento dell'ortolano”, un cantico alla Vita per grandi e piccini, da un racconto di Antonio Catalano, per l'adattamento e la regia di Patrizia Camatel con Massimo Barbero - Teatro degli Acerbi.

L'itinerario che verrà affrontato nella camminata è un anello di circa 12 km, tra i territori di Grana e Castagnole Monferrato con alcune tappe lungo il percorso. Dopo il saluto del Sindaco, il cammino si avvierà tra i sentieri, i paesaggi e i vigneti principalmente di uve Ruchè, pregevole vitigno a lungo dimenticato, dalle origini molto antiche. Lasciato l'abitato, dopo qualche chilometro il primo incontro sarà con Franco Correggia, consulente scientifico, naturalista e specialista di flora collinare piemontese, che parlerà del concetto di biodiversità e dei modi in cui si declina localmente. Nel cortile de "la Mercantile", palazzo del tardo settecento appartenuto alla famiglia dei Conti Rogeri nel comune di Castagnole Monferrato, ci si fermerà per il pic-nic. Dopo il ristoro, si riprenderà il cammino per poi incontrare Dante Garrone, produttore vitivinicolo che racconterà il Ruchè e gli altri pregevoli vini di queste terre. Al rientro a Grana, l'incontro con un Contadino speciale, che narrerà una storia di vita: il Testamento dell'Ortolano. Il sapore è quello di una fiaba antica, ma i contenuti sono modernissimi, poiché si parla del legame di amore e cura per il Pianeta Terra. A chiudere la giornata una bicchierata.

Seguendo le norme vigenti e le attenzioni del caso, la camminata naturalistica organizzata dalle associazioni culturali la Confraternita degli Stolti e il Picchio sarà accompagnata da Anna Maria Bruno e Lucia Cane. Perché sia una piacevole giornata insieme è necessaria la collaborazione di ognuno ed è obbligatoria la prenotazione. Il costo è di euro 10,00 a persona (passeggiata guidata, spettacolo di teatro e brindisi conclusivo) (gratis bambini e ragazzi fino a 10 anni).
Evento in collaborazione con i Comuni di Grana e Castagnole Monferrato (AT) e con l' Azienda Agricola Garrone Evasio & Figlio Vini

Info e prenotazioni: 3453350871 - 3482211219 - 3381936896 itacamonferrato@gmail.com

Domenica 4 ottobre l'appuntamento con IT.A.CÀ Monferrato è, dalle ore 10, al Castello di San Sebastiano Po.

Dopo il benvenuto, alle ore 10,30 si terrà il Giardino delle Parole, momento di confronto che quest'anno raddoppia e sarà arricchito dalla musica, dall'estemporaneità e dagli ospiti, un "varietà" live dove può succedere di tutto.

Il primo appuntamento con il Giardino delle Parole avrà come titolo: "Appunti di viaggio e stili di vita", opportunità per chi viaggia, visita o vive. Saranno ospiti Paolo Sassone Referente Piemonte Società Italiana di Geologia Ambientale - Sigea (www.sigeaweb.it) "Geoturismo in Monferrato: sogno o futura realtà?", Elisa Gallo Presidente di Bike Pride, FIAB Torino e Cofondatrice di Bici-t, Daniela Fassino Italian Wine Travels - tour operator, Lucia Cane Guida Turistica e Guida Naturalistica, Elisa Brianni Presidente Cooperativa "Semi di Senape", co-fondatrice di REMIX centro di riuso creativo, educatrice sociopedagogico e referente Scuole Naturali Piemonte.

In chiusura la presentazione del libro: "Quando si andava in barca sul Po" di Claudio Marotto, Carlo Aletto, Mauro Percivalle.

Moderano la giornalista Marina Maffei e Max Biglia. Ospiti estemporanei: il Collettivo Teatrale.   

Alle ore 12,30, pranzo (è d'obbligo la prenotazione) alla Trattoria della Villa www.trattoriadellavilla.it

Alle ore 15 secondo appuntamento con il Giardino delle Parole dal titolo "Il valore della Bio-diversità naturale e umana", durante il quale verranno messe a confronto esperienze per conoscere, tutelare e restituire. Saranno ospiti Emanuele Biggi, presentatore televisivo nella trasmissione Rai 3 GEO comunicatore scientifico e fotografo naturalista, Gabriella Chiusano di Slow Food - Terra Madre e il progetto di Comunità, Maurizio, Martina, Pietro e María Luz di Cascina Barbàn, un progetto contadino. Verranno inoltre presentati in anteprima il Festival della Virtù Civica ed il Premio Luisa Minazzi ambientalista dell'anno 2020. Moderano il giornalista Marco Fratoddi e Max Biglia. Ospiti estemporanei: Paolo Bonfanti Trio

Alle ore 17,30 verrà presentato il cortometraggio Paradis-e un documentario in cui chi documenta decide di documentarsi. È un'esperienza in cui Flavio Giacchero, musicista, Luca Percivalle e Francesco Cusanno, registi, decidono di immergersi dopo i mesi di confinamento. Per i due registi è un ritorno dalle città in cui vivono da anni ai luoghi di casa, della provincia. Per Giacchero sono luoghi sconosciuti in cui i due lo guideranno. Decidono di partire con i loro strumenti per raccogliere appunti di un viaggio verso un Paradiso vicino: una telecamera, un sassofono, un quaderno su cui scrivere e una piccola troupe che possa documentare questo loro viaggio esperienziale dietro casa. Un ritorno alla lentezza del cammino, al porre uno sguardo nuovo su tutto ciò che li circonda, uno sguardo ritrovato.

Dalle ore 15,30 è previsto anche il Laboratorio per bambini: "Come una volta…": l’Associazione di Promozione sociale Penelope, propone un laboratorio artistico-pedagogico a quattro MANI con materiali naturali per bambini dai 4 agli 11 anni e i loro accompagnatori.

Il programma aggiornato è consultabile su www.ca-mon.it e www.festivalitaca.net

 

EDICOLA DIGITALE

sfoglia

abbonati

>

Le notizie più lette

novi ligure

Villa Minetta, va deserta l'asta: nessuno la vuole

22 Ottobre 2020 ore 08:15
La tragedia

“I Vincenti responsabili”. Il Gup: imprudente...

20 Ottobre 2020 ore 18:25
.